Centro di Formazione Professionale per Educatori, Operatori, Coordinatori e Ludotecari
Certificato UNI EN ISO 9001:2015 Accreditato e Autorizzato dalla Regione Lazio Regione Lazio

Animatore sociale

Corso disponibile anche in FAD (Formazione a Distanza)

Il corso è Autorizzato dalla Regione Lazio con determinazione G03165 del 23/03/2021

ISCRIZIONI: aperte

Le iscrizioni sono aperte (ma a numero chiuso).  Non ci sono test di ingresso o selezioni. Le iscrizioni si chiudono al raggiungimento del numero massimo di corsisti ammessi dalla Regione.

AMBITO FORMATIVO
Settore socio-educativo e socio-sanitario 

ATTESTAZIONE CONSEGUITA:
Attestato di Qualifica Professionale autorizzato dalla Regione Lazio, valido in tutta Italia in conformità agli standard di cui all’art. 6 del D.Lgs. 16/01/2013 n. 13. 

TITOLO
Animatore Sociale

REQUISITI DI AMMISSIONE
Compimento del 18° anno di età
Conseguimento del Diploma di Scuola Media Superiore

Il Corso è accessibile a tutti, indifferentemente da residenza e Regione di provenienza.

NUMERO MASSIMO DI CORSISTI AMMESSI
20 persone

DESTINATARI
Il corso è rivolto a tutti coloro che abbiano motivazione, passione e interesse specifico per l’ambito dei diversi servizi socio-sanitari e socio-culturali (comunità per minori, soggiorni-vacanza, reparti ospedalieri, istituti scolastici, case di riposo, RSA, cooperative sociali, case famiglia, gruppi appartamento, agenzie di animazione, ludoteche, etc.) interessati a programmare e gestire attività di carattere educativo, ricreativo e culturale, a diretto contatto con bambini, adolescenti, anziani, portatori di handicap, soggetti con problematiche di diversa natura.

DURATA E FREQUENZA IN FAD
422 ore di cui:

302 ore in FAD dal lunedì al giovedì 4 ore al giorno

120 ore di stage aziendale alla fine del percorso in FAD presso strutture per l’infanzia convenzionate con la Logos, da scegliersi con il supporto del coordinamento didattico tra le molteplici realtà distribuite tra Roma e il resto del Lazio.

PER IL COLLEGAMENTO IN FAD è neccessario possedere:

Connessione Internet

PC o Smartphone o Tablet

DURATA E FREQUENZA IN AULA
422 ore (circa 5 mesi tra aula + stage aziendale) di cui:

  • 302 ore in aula dal lunedì al venerdì 4 ore al giorno

  • 120 ore di stage aziendale alla fine del percorso presso strutture educative convenzionate con la Logos, da scegliersi con il supporto del coordinamento didattico in strutture distribuite tra Roma e il resto del Lazio.

LUOGO DI SVOLGIMENTO CORSI IN AULA

Sede Logos P.A.F. Roma Nord – Via Alfredo Catalani, 27 – 00199 Roma (Metro B1 – nei pressi della fermata Libia) – tel 06.86210771

Sede Logos P.A.F. Roma Sud – Circ.ne Ostiense, 80 – 00154 Roma (Metro B – di fronte alla Fermata Garbatella) – tel 06.96045673

CONTENUTI
Il corso si articola in moduli didattici, project work e stage aziendale. Vengono svolte lezioni relative alla definizione dei principali modelli teorici di riferimento; seminari e laboratori tematici dove gli allievi possono sperimentarsi concretamente in attività pratiche; project work dove si sperimentano i contenuti acquisiti redigendo un vero e proprio progetto; stages presso strutture socio-educative e socio sanitarie per consolidare e sperimentare le conoscenze acquisite in aula.

QUALIFICA PROFESSIONALE

Il corso di Animatore Sociale, previo Esame finale in sede (al quale sono ammessi solo i corsisti che hanno frequentato almeno l’80% di ore del corso), rilascia un Attestato di Qualifica Professionale valido in tutta Italia in conformità agli standard di cui all’art. 6 del D. Lgs. 16/01/2013 n.13.

PROFILO PROFESSIONALE

L’Animatore Sociale si occupa di organizzazione, promozione e gestione di interventi finalizzati a promuovere lo sviluppo delle potenzialità delle persone, mediante attività di carattere educativo, culturale e ricreativo, che attivino processi di partecipazione sociale, nonché di prevenzione della marginalità e della devianza. L’Animatore Sociale è un operatore che, nell’ambito dei servizi socio educativi e culturali, svolge un’attività finalizzata allo sviluppo delle potenzialità delle persone o dei gruppi e alla promozione di processi di inserimento e partecipazione sociale e di prevenzione del disagio.

SBOCCHI PROFESSIONALI

L’Animatore Sociale trova collocazione in istituzioni pubbliche e private in cui si svolgono attività finalizzate alla promozione delle potenzialità individuali e collettive, alla prevenzione delle marginalità e del disagio sociale, alla integrazione e partecipazione sociale:

  • servizi residenziali e territoriali per anziani (strutture protette, case di riposo, centri diurni);
  • servizi domiciliari di assistenza e di socializzazione;
  • servizi per l’infanzia e l’adolescenza (centri diurni, centri ricreativi, centri di aggregazione giovanile, comunità per minori, ludoteche);
  • servizi per soggetti con disabilità
  • servizi di animazione di strada;
  • servizi di prevenzione primaria nell’ambito della tossicodipendenza;
  • servizi indirizzati ad utenza adulta con disabilità psicofisica.

FINALITA’

L’Animatore Sociale è una figura professionale in grado di programmare e gestire attività di carattere educativo, ricreativo e culturale, a diretto contatto con bambini, adolescenti, anziani, persone con disabilità, soggetti con problematiche di diversa natura.

  • Al termine del percorso formativo, l’animatore sociale sa:
  • – gestire l’accoglienza dell’utente nella struttura/servizio di riferimento;
  • – presentare all’utente gli ambienti e i servizi offerti dalla struttura;
  • – gestire le attività necessarie all’inserimento dell’utente nel gruppo, nonché il rapporto con l’utente ed i parenti per la graduale integrazione dell’utente nella struttura e/o servizio;
  • – gestire le attività necessarie alla costruzione e socializzazione dei gruppi;
  • – pianificare, progettare, gestire, valutare le attività di animazione, ricreativo/educative, culturali, sportive, ecc., anche in rete con i colleghi e i servizi;
  • – sostenere gli utenti nell’attivazione di modelli comportamentali positivi per contrastare fenomeni di devianza e disadattamento;
  • – gestire i conflitti;
  • – osservare, rilevare e registrare dinamiche comportamentali e criticità latenti individuali e di gruppo;
  • – contribuire alla gestione dei laboratori pianificati;
  • – individuare attività ricreativo/educative (culturali, sportive, ecc.) funzionali agli obbiettivi di reinserimento sociale prefissati.